Uno dei modi migliori per visitare l’Australia è con un’auto a noleggio. Così c’è la massima libertà di fermarsi a lungo in un luogo che affascina e più brevemente in altri.
Fondamentale ricordare che la guida è “al contrario” rispetto a noi: la colonizzazione inglese ha lasciato il segno anche in questo campo.
Bisogna fare attenzione, soprattutto nei primi chilometri e quando ci troviamo di fronte alle rotonde. Le basse velocità e il poco traffico rendono più semplice l’adattamento.

Ecco un itinerario costiero lungo la Pacific Coastline che da Sydney si spinge verso nord fino a Byron Bay.

1° giorno

A meno di un’ora di guida da Sydney, si trova la cittadina di Brooklyn sulle rive del fiume Hawkesbury: luogo ideale per una prima colazione con vista.
Procedete per Newcastle e fate una passeggiata su Nobby’s Beach nota per gli amanti del surf, fino a raggiungere il faro per vedere l’Oceano Pacifico.
Un’ora di guida vi porta fino a Port Stephens da dove potete raggiungere il Parco NazWhale_watching_gold_coastionale Tomaree. Ci sono diversi semplici percorsi a piedi per raggiungere la cima e ammirare un paesaggio mozzafiato. Il viaggio prosegue fino al Parco Nazionale Cape Hawke dove un sentiero nella foresta pluviale ci porta a un belvedere con vista a 360° tra la costa e i parchi. Nelle giornate terse invernali si riesce a vedere anche Barrigton Top e, se siete fortunati, le balene che ogni anno migrano verso nord.
Per finire ecco la cittadina costiera Forster, nell’area dei Grandi Laghi.

2° giorno

protesters falls

In due ore di guida vi troverete alla foce del fiume Macleay. Arrampicatevi sulle scale del faro Smoky Cape risalente al 1861 per una vista sul Parco Nazionale Hat Head.
La prossima tappa è Coffs Harbour ideale per il pranzo nei numerosi ristoranti.
Nel pomeriggio raggiungete la foresta di Nightcap National Park. Qui si trova un sentiero che in 1 km e mezzo di facile cammino, vi condurrà alle cascate Protesters.
Il faro di Cape Byron, costruito nel 1901, è sul punto più orientale della costa australiana. Durante la stagione invernale sarà possibile avvistare le balene. Siete arrivati a Byron Bay. Spiagge ottime per il surf, con punti strategici per lo snorkelling e le immersioni nel Cape Byron Marine Park. Sabbia bianca e nascosta a Cosy Corner e White’s Beach. Passeggiate nel Parco Nazionale Nightcap e alle cascate Minyon dove l’acqua precipita da oltre 100 metri.

Byron_Bay_Farofirma-big

Ho partecipato al corso organizzato dall’ente del turismo australiano e sono diventata Aussie Specialist!!! In grado quindi di guidarvi nell’organizzazione della vostra vacanza in questa continente dalle mille sfaccettature. Aussie specialist

Condividi!